• Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
  • Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
  • Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
  • Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
HomeContattiCon chi collaboriamoDiagnosticaSintomiPatologie urologicheChirurgia UrologicaVideoNewsAssicurazioni 
Contatti
Con chi collaboriamo
Diagnostica
Sintomi
Patologie urologiche
Litiasi renale
L'urologia per lui
L'urologia per lei
L'Urologia per la coppia
Le neoplasie
Patologie varie
LA CISTITE cronica , p...
Chirurgia Urologica
Video
News
Assicurazioni 
 
 
... sei nella categoria: Patologie urologiche
  La calcolosi
 

Litiasi renale vai a Litiasi renale

 
Cusumano - La Calcolosi

La calcolosi renale 

La calcolosi colpisce il 10% ( 5-10 ogni 1000 abitanti) della popolazione, spesso dopo i quarant’anni, con un rapporto 2:1 uomo donna. La percentuale di recidive è stimata tra il 50% ed il 70% dei casi, dopo il primo episodio di calcolosi la recidiva si presenta entro i cinque - dieci anni. La prevenzione per evitare coliche renali è fondamentale. L’incidenza è maggiore nei paesi più evoluti e con le condizioni di vita migliori. Prevalenza etnica della calcolosi: maggiormente colpiti sono la Calabria, la Sicilia e la Sardegna (Italia), la Romania, i paesi del Maghreb che attualmente affluiscono al nostro SSN.

La calcolosi renale è il risultato di cristallizzazione di sali minerali presenti in concentrazione eccessiva di urina. Il processo è lo stesso di quello osservato in acqua contenente molti minerali: al di là di una certa concentrazione, i sali cominciano a cristallizzarsi.
La maggior parte dei cristalli ( acido urico, ossalati di calcio ecc) vengono spontaneamente eliminati passando attraverso i condotti del sistema urinario. Quando i cristalli si aggregano formano, prima la macrocristalluria (comunemente definita renella) di dimensioni inferiori ai 3mm, e aumentando di volume formano i calcoli. Quando un calcolo viene eliminato passa attraverso l’uretere creando un ostacolo : è la colica renale.

 

Fattori di rischio, soprattutto in quelli che hanno già sofferto di calcoli renali

Scarsa idratazione
Diminuisce il volume di urina, concentrando così i sali nella urina. L’assunzione di acqua oligominerale favorisce la diuresi, diluisce le urine e favorizza l’eliminazione dei cristalli prima della formazione del calcolo. Attenzione una dieta idrica non bilanciata e quindi povera di calcio, o ricca di CO2 (acqua gassata) può favorire la formazione di alcuni tipi di calcoli.

La sedentarietà - inattività

Volontaria (soggetti pigri) o involontaria ( post traumatica, fratture ecc) provoca una perdita progressiva di massa ossea, con una mobilizzazione importante del calcio.

Farmaci
L’assunzione di alcuni farmaci come diuretici o antiacidi possono aumentare il rischio calcolitico.
L’alimentazione iperproteica
Le proteine aumentano il tasso di ossalato di calcio e acido urico nelle urine e diminuiscono il tasso di citrato (un fattore protettivo contro i calcoli). Alcuni studi mettono in evidenza che tra i vegetariani, vi è una riduzione del rischio di calcolosi. Tuttavia, se l'apporto giornaliero di proteine sia animali che vegetali è adeguato, non vi è nessun aumento del rischio.

Una dieta povera di calcio
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il calcio nella dieta (latte, formaggi, pesce in scatola con lische, frutta, verdura, legumi, noci) ha un effetto protettivo contro i calcoli renali. L’assunzione di calcio con la dieta ha un effetto protettivo, a differenza del calcio preso in aggiunta lontano dai pasti ( alcune terapia per osteoporosi? ) possono aumentare il rischio di calcoli.
Dieta con molto sale
Favorisce la calcolosi