• Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
  • Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
  • Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
  • Dr. Cusumano - www.chirurgiaurologicaroma.com
HomeContattiCon chi collaboriamoDiagnosticaSintomiPatologie urologicheChirurgia UrologicaVideoNewsAssicurazioni 
Contatti
Con chi collaboriamo
Diagnostica
Sintomi
Patologie urologiche
Litiasi renale
L'urologia per lui
L'urologia per lei
L'Urologia per la coppia
Le neoplasie
Patologie varie
LA CISTITE cronica , p...
Chirurgia Urologica
Video
News
Assicurazioni 
 
 
... sei nella categoria: Patologie urologiche
  Complicanze nella calcolosi
 

Litiasi renale vai a Litiasi renale

 
Cusumano - Complicanze Nella Calcolosi

COMPLICANZE


La complicanza della calcolosi è la colica renale, che può associarsi a febbre elevata con brividi squassanti – febbre uro settica-. Se il calcolo ostruisce completamente l’uretere (collegamento tra il rene e la vescica) determina un’idronefrosi, con una sofferenza del rene.
La colica renale è un sintomo non una malattia. E’ un dolore violento, di forte intensità che si localizza al fianco con irradiazione in basso ed anteriormente coinvolgendo spesso il testicolo nell’uomo , l’inguine nella donna. Il dolore viene definito “atroce”, non si modifica con il cambio di posizione , il paziente presenta una stato di agitazione, spesso è sudato, riferisce nausea e vomito. In caso di calcolosi situata nel tratto terminale (intramurale) dell’uretere alla colica si associa “bruciore” minzionale e stimolo frequente.
Per definizione la colica renale è dovuta ad una brusca dilatazione dell’uretere e della pelvi secondario ad un ostacolo lungo la via escretrice ( calcolo ).

Cause e fattori di rischio:
La calcolosi è la principale causa di colica renale. L’ematuria con la formazione di coaguli lungo l’uretere può determinare un ostruzione brusca.
I tumori, le stenosi dell’uretere ( post eliminazione di calcolo – post chirurgia o endoscopia – infiammatorie ) possono provocare dilatazione ma spesso essendo lente e progressive, sono subdole e non si manifestano con una colica renale. Altre cause sono la compressione estrinseca da altre patologie addominali ( colon, patologie ovariche ).


Diagnostica:

La diagnosi oggi è resa agevole dall’ecografia che mette in evidenza una dilatazione della pelvi e dell’uretere, ma spesso non è possibile individuare il calcolo.
Un TC addome pelvica, con e senza contrasto, mette in evidenza anche calcoli di piccole dimensioni e radiotrasparenti. La TC ha soppiantato la tradizionale radiografia dell’apparato urinario , oggi obsoleta.
Se la diagnosi di calcolo non è rapidamente confermata, è opportuno procedere ad approfondimenti diagnostici, per escludere patologie associate o neoplastiche.



Comportamento durante la colica renale:
Non è necessario ricorrere immediatamente al pronto soccorso, la terapia del dolore può essere gestita a casa con l’assunzione di un FANS ( toradol, orudis, voltaren) che riducono immediatamente l’acqua filtrata dal rene e ne diminuiscono la pressione. Si consiglia l’immersione in una vasca da bagno con acqua calda, e contrariamente a quello che si dice, bisogna immediatamente smettere di bere. L’aumento di pressione creata dall’acqua a monte dell’ostacolo peggiora il dolore. Gestito il dolore e la fase acuta prendete contatto immediatamente con il vostro urologo di fiducia.

Terapia chirurgica/endoscopica d’urgenza:

 


In casi particolari, imbibizione perirenale , rottura spontanea della pelvi (evenienza rara ), si procede a posizionare un stent JJ al fine di garantire un deflusso delle urine senza dolore, e detendere il rene.